Skip links
droni taxi

Droni taxi: diventeranno presto realtà

A volte l’utopia può davvero diventare realtà. Così, entro qualche anno, potremmo vedere sfrecciare nei nostri cieli veri e propri droni taxi, specificatamente pensati per il trasporto di persone. Può sembrare strano pensare che un velivolo così relativamente nuovo, possa portare al mondo una novità così grande, eppure è proprio quello che sta succedendo nel corso di questi anni. Uno scenario destinato a crescere sempre di più ed entrare nelle nostre vite diventando la nuova normalità. Vediamo di scoprirne di più.

VeloCity 2021

Già nel 2021 è stato presentato a Roma il primo drone destinato al trasporto di persone: VoloCity. Con una dimostrazione in Piazza San Silvestro, ha mostrato al pubblico come potrebbe essere la mobilità aerea in un periodo non troppo lontano. La nostra Capitale infatti è una delle prime città europee ad aver dato la disponibilità ad incrementare questa tipologia di trasporto: l’obiettivo è quello di far entrare in attività VoloCity nel 2024, collegando in poco più di 15 minuti l’aeroporto di Fiumicino con la stazione di Roma Termini. 

VoloCity è stato accolto con entusiasmo non solo per via della novità che rappresenta, ma anche grazie alla sua totale assenza di emissioni. Si tratta infatti di un velivolo alimentato da nove batterie a litio, 100% elettrico.

Taxi drone: il trasporto nel rispetto dell’ambiente

I droni taxi rappresentano sicuramente una nuova esperienza di mobilità, molto più rispettosa dell’ambiente e in grado di superare in sicurezza tutti i problemi legati al traffico su strada. La parte importante, in questo caso, sarà sicuramente riuscire a disciplinare al meglio il volo dei droni, attraverso l’emanazione di linee guida nazionali ed internazionali

ENAC ed ENAV infatti sono già al lavoro per elaborare delle regole che riescano a far coesistere velivoli autonomi e velivoli pilotati all’interno dello stesso spazio aereo. EASA inoltre sarà l’organo direttamente responsabile per gli standard di sicurezza: dovrà quindi accertarsi che i droni taxi siano effettivamente affidabili non solo per il trasporto di merci, ma anche per le persone.

La road map dei droni taxi

Ci sono obiettivi specifici per la messa in atto dei droni taxi, come ad esempio il Giubileo romano del 2025 e i Giochi Olimpici Milano-Cortina del 2026. Entro il 2030 infatti ci si aspettano circa 740 milioni di potenziali passeggeri di questi nuovi taxi del cielo, un numero enorme se pensiamo che si tratta di un progetto non ancora entrato in azione. I drone taxi sarebbero un modo facile, rapido e confortevole per muoversi da un posto all’altro. Si stanno inoltre progettando delle vere e proprie stazioni multiservizi, totalmente sostenibili, per poter permetterne l’atterraggio e la ripartenza.

ENAC sta inoltre promuovendo lo sviluppo di una Advance Air Mobility, ovvero un insieme di operazioni di trasporto di merci e persone che includa sia il classico trasporto urbano, sia quello aeronautico (sia per velivoli autonomi, sia per velivoli con pilota). L’obiettivo è quindi quello di creare un ecosistema sempre più votato all’innovazione tecnologica, con un particolare occhio di riguardo per la smart mobility e i nuovi servizi di business. 

Nei prossimi anni quindi il classico scenario stradale a cui siamo abituati è sicuramente destinato a cambiare, includendo nuovi mezzi di trasporto, nuove regolamentazioni e nuove abitudini!

Hai bisogno di un dronista o vuoi offrire i tuoi servizi? Scopri il mondo di Flowdron, visita il nostro sito web!