Skip links
pilotare un drone quali sono i rischi

Pilotare un drone: quali sono i rischi?

Pilotare un drone non è un’azione così semplice come potrebbe sembrare. Spesso infatti, si vedono bambini o principianti pilotare droni come se fossero dei giocattoli. Nonostante esistano sul mercato i cosiddetti “droni giocattolo”, bisogna sempre ricordare che anche gli esemplari più piccoli sono comunque soggetti ad una regolamentazione del volo. 

I rischi di guidare un drone sono infatti molteplici e vanno da quelli prettamente fisici a quelli più burocratici come la possibilità di incorrere in multe e sanzioni di diversa natura.

Lavorare con i droni: la gestione del rischio

La regolamentazione dei dronisti prevede che l’operatore sia responsabile della valutazione del rischio associato alle proprie operazioni: ad esempio, i rischi fisici legati sia alla propria persona sia a persone terze o rischi legati alla privacy.

Vediamo nello specifico i rischi fisici: riguardano le regole sulla sicurezza e sull’incolumità personale delle persone coinvolte nell’operazione. Alcuni esempi di questa tipologia possono essere incidenti con le eliche del drone, problemi all’udito a causa del rumore, rischi meccanici o elettrici che dipendono da possibili avarie del drone stesso. Proprio per questo motivo ci sono specifici DPI che i dronisti sono invitati ad utilizzare in caso di situazioni pericolose: si tratta di caschi o elmetti, occhiali protettivi, guanti o auricolari per la gestione del rumore. 

I rischi legati alla privacy sono invece meno evidenti, ma non per questo meno importanti. Nella maggior parte dei droni professionali sono infatti presenti una telecamera e un microfono che registrano immagini e audio di tutto ciò che viene inquadrato, comprese le persone, andando così ad invadere la loro privacy. Sottolineando che non è consentito sorvolare zone in cui ci sono assembramenti – tranne in determinati casi autorizzati -, il consiglio è, laddove ci siano persone e non si possa chiedere il permesso, fare riprese da lontano o oscurare i volti, così da non dover rischiare di subire una denuncia ed essere obbligati a risarcire i danni.

Guidare un drone attraverso gli ostacoli

È importante che i dronisti sappiano come comportarsi, conoscano il luogo di lavoro e consultino attentamente le mappe disponibili sui portali dedicati al fine di minimizzare il rischio di incidenti o problemi che potrebbero insorgere durante il volo del drone. 

Un problema piuttosto comune è trovare ostacoli, sia naturali (alberi, boschi, acqua) che artificiali (ponti, edifici, cavi ecc) che potrebbero far perdere il controllo del drone, rischiando così non solo di smarrirlo, ma anche di causare danni a oggetti e persone nelle vicinanze.

Rischi burocratici dei dronisti

Come già sottolineato, i rischi in cui possono incorrere i dronisti sono anche di natura burocratica. Vediamo quali sono:

  • Pilotare i droni senza patente, ad esempio, comporta il rischio di arresto per 1 anno e un’ammenda che può superare i 1000 euro.
  • Discorso diverso per i professionisti che volano senza avere l’assicurazione: in questo caso le sanzioni sono molto più salate e vanno dai 50.000 ai 100.000 euro. Meglio non rischiare!
  • Volare su una No-Fly Zone può comportare una denuncia penale e una multa di poco più di 500 euro.

Hai bisogno di un dronista o vuoi offrire i tuoi servizi? Scopri il mondo di Flowdron, visita il nostro sito web!